Manutenzione della casa: i miti da sfatare
22/02/2019
Siete sicuri di sapere tutto sulla manutenzione della vostra casa? Continuate a leggere per evitare di incappare in alcuni falsi miti e gestire la vostra routine domestica nel migliore dei modi!

Quando si tratta di attività di manutenzione della casa, rischiamo di lasciarci trarre in inganno da alcune false credenze così radicate da essere considerate vere.

Vediamo insieme quali sono gli errori più frequenti in tema di gestione degli spazi domestici.

I pannelli solari non funzionano quando il tempo è nuvoloso oppure di notte

Se state pensando di installare i pannelli solari, potreste incappare in una credenza ancora piuttosto diffusa, ovvero che funzionino soltanto nelle giornate terse e soleggiate. Non è così: i raggi solari riescono a filtrare senza alcun problema attraverso le nuvole, quindi la funzionalità dei pannelli solari non viene in alcun modo compromessa. E durante la notte? I pannelli solari non possono generare energia elettrica nella totale oscurità, tuttavia durante il giorno ne producono ben più di quanto serva effettivamente alla vostra casa: questa energia viene immagazzinata ed è a vostra disposizione per le ore notturne.

Bisogna spegnere il riscaldamento quando si è fuori casa

Spesso si sente dire che per risparmiare sia meglio accendere il riscaldamento solo quando si è effettivamente in casa. Ma questa abitudine può essere davvero controproducente, soprattutto durante i mesi più rigidi. Il gelo potrebbe infatti ghiacciare i tubi e provocarne la rottura. Per evitare questo rischio sarebbe meglio tenere il termostato impostato sui 14° quando siete fuori fuori casa.


La candeggina è utile per sbarazzarsi della muffa

Ricorrere alla candeggina per contrastare la formazione della muffa non elimina il problema delle spore: i segni di questo fungo vengono temporaneamente cancellati, ma si ripresenteranno poiché le spore sono ancora presenti. È opportuno approfondire i motivi che causano la muffa e agire sulle spore con un detergente specifico.


Il momento migliore per innaffiare il giardino è la sera

Il sole fa evaporare l’acqua, quindi un mito piuttosto diffuso è che il momento perfetto per innaffiare il giardino sia dopo il tramonto del sole. In effetti questa abitudine ha qualche beneficio, perché permette al terreno di assorbire l’acqua in modo più efficace. Tuttavia, ha alcuni lati negativi che rischiano di compromettere il benessere del vostro giardino: l’umidità che non evapora con il calore del sole crea l’ambiente ideale per la formazione di funghi, muffa e altri problemi per piante e terreno. Il momento migliore per innaffiare è il mattino presto, perché il sole che sta sorgendo lascia il tempo alla terra di assorbire l’acqua di cui ha bisogno e di eliminare lentamente gli eccessi.


Il rubinetto gocciolante non è una priorità

Una piccolissima perdita potrebbe sembrarvi irrilevante, un fastidio che può essere posticipato fino a quando non avrete tempo di chiamare un idraulico. Niente di più sbagliato! Il problema dovrebbe essere risolto il prima possibile, per evitare di sprecare molti litri d’acqua e ritrovarsi a pagare una bolletta inutilmente salata. Inoltre, il sottile filo d’acqua che gocciola dal vostro rubinetto potrebbe ghiacciare durante l’inverno, causando problemi alle tubature.


I falsi miti spesso non riguardano solo la manutenzione della casa: vi sentite sperduti nel mondo immobiliare e vorreste informazioni e consigli utili per acquistare o vendere un immobile? Non esitate a contattarci!

leggi anche...
  • Idee per organizzare al meglio una cucina piccola
    12/11/2018
  • 10 consigli per migliorare la qualità dell’aria della vostra casa
    22/02/2019
  • Aromaterapia in casa: come creare un ambiente benefico e profumato
    19/12/2017