Ecobonus 2019: le detrazioni per chi vuole ristrutturare casa e rispettare l’ambiente

Buone notizie per chi sta pensando di ristrutturare casa in un’ottica green: il bonus per la riqualificazione energetica è stato recentemente prorogato per un altro anno con la conferma delle modifiche apportate alla normativa precedente, volte ad aumentare i soggetti beneficiari e gli interventi agevolabili. Continuate a leggere per saperne di più!

L’Ecobonus 2019 è uno degli incentivi più importanti per chi ha recentemente acquistato una casa da ristrutturare o semplicemente vuole effettuare dei lavori di ammodernamento che puntino al risparmio energetico.

Grazie a questa agevolazione è possibile beneficiare di uno sconto Irpef pari al 50% o al 65% dei costi sostenuti in relazione al tipo di intervento svolto.

La detrazione riguarda tutti i lavori e le spese sostenute con lo scopo di:

– migliorare l’isolamento termico dell’edificio (coibentazioni, pavimenti, finestre e infissi)

– installare pannelli solari

– sostituire impianti di climatizzazione invernale

– installare dispositivi per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento

Nello specifico, la Legge di Bilancio ha modificato le regole per ottenere l’Ecobonus, stabilendo tre aliquote differenziate sulla base del tipo di costi sostenuti e interventi effettuati.

Detrazione Ecobonus 50%

– interventi relativi alla sostituzione di finestre comprensive d’infissi;

– schermature solari;

– caldaie a biomassa;

– caldaie a condensazione, che continuano ad essere ammesse purché abbiano un’efficienza media stagionale almeno pari a quella necessaria per appartenere alla classe A di prodotto prevista dal regolamento (UE) n.18/2013.

Detrazione Ecobonus 65%

– interventi di coibentazione dell’involucro opaco;

– pompe di calore;

– sistemi di building automation;

– collettori solari per produzione di acqua calda;

– scaldacqua a pompa di calore;

– generatori ibridi, cioè costituiti da una pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro.

Inoltre, la tipologia di intervento è strettamente correlata all’importo massimo di spesa detraibile.

I costi massimi che possono essere detratti corrispondono a:

– 100.000 euro per gli interventi di riqualificazione energetica;

– 60.000 euro per gli interventi sull’involucro dell’edificio;

– 30.000 euro per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, ovvero installazione di impianti dotati di caldaie a condensazione, pompe di calore ad alta efficienza e impianti geotermici a bassa entalpia;

– 60.000 euro per l’installazione di pannelli solari utili alla produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università.

Un’ottima opportunità per rendere la propria abitazione più ecofriendly e al tempo stesso risparmiare: una casa ristrutturata nell’ottica della riqualificazione energetica garantisce sul lungo periodo un taglio dei costi delle bollette; in più come abbiamo visto, con l’Ecobonus 2019 è possibile richiedere consistenti agevolazioni per tutti i lavori svolti, ammortizzando così le spese da sostenere.

Per maggiori informazioni contattate il team di Duomo Immobiliare!

Fonti

https://www.informazionefiscale.it/ecobonus-2019-proroga-detrazione-novita-requisiti-importi

https://www.theitaliantimes.it/economia/legge-stabilita-ecobonus-65-spese-detrazione-come-funziona_020719/

Data: 26 Luglio 2019
detrazioni fiscali ecologia rinnovare riscaldamento risparmiare
Open chat